Rame di Napoli

Mettersi in gioco sempre ecco il mio motto! Se c’è qualcosa che non hai mai fatto, non scoraggiarti inizia passo passo e le cose verranno da se. Questo è quello che mi sono ripetuta quando ho iniziato a preparare queste Rame di Napoli, un dolce tipico della pasticceria Catanese. Una via di mezzo tra un biscotto e una tortina ricoperta da una glassa di cioccolato e guarnita con granella di mandorle o pistacchi. Io come prima volta ho voluto preparare una versione classica ripiena di marmellata di arance Bio e per mio figlio ripiene di crema di nocciole.

Vi sono molte leggende riguardo al nome, alcune molto improbabili, altre invece abbastanza verosimili.

Quella che mi è piaciuta di più riguarda, l’unificazione del Regno di Napoli con quello della Sicilia, dove venne coniata una moneta in rame al posto dell’oro o dell’argento. Il popolo catanese, non fu’ entusiasta di questa scelta e iniziò così a girare la voce, chiaramente scherzosa, che di lì a breve, si sarebbero usati dei biscotti al posto delle monete. Così, alcuni pasticceri catanesi dell’epoca, iniziarono a riprodurre in cucina, sotto forma di dolce, le nuove monete di Rame introdotte dal Re di Napoli. Ed è per questo, che questi “biscotti” furono chiamati Rame di Napoli.

In ogni caso, questi biscotti sono una vera delizia che regalerò ad amici e parenti nel periodo tra fine ottobre e inizi di novembre proprio per la festività della commemorazione dei defunti. Vi va di cimentarvi con me nel prepararli? Se si seguite la ricetta e buona lettura!

Rame di Napoli: ingredienti e procedimento

Per 12 rame di napoli

difficoltà bassa

tempi di preparazione 30′

tempi di cottura 18′

Ingredienti

  • 220 grammi di farina 00
  • 50 grammi di burro o strutto
  • 2 grammi di chiodi di garofano in polvere
  • 2 grammi di cannella in polvere
  • 100 grammi di zucchero
  • 200 ml di latte
  • 8 grammi di lievito per dolci
  • 1 fiala di essenza di arancia
  • 25 grammi di miele millefiori
  • 50 grammi di cacao amaro

Per la glassa

  • 200 grammi di cioccolato amaro o al latte
  • 50 grammi di burro
  • 100 grammi di marmellata di arance bio
  • 50 grammi di granella di mandorle

Preparazione

Con l’aiuto di una planetaria, versate nella ciotola lo zucchero, la cannella, i chiodi di garofano;

Aggiungete il lievito e setacciate il cacao;

Infine versate il miele e l’essenza della arancia;

Sciogliete il burro e aggiungete all’impasto;

Azionate l’impastatrice a bassa velocità e versate il latte;

Setacciate la farina e aggiungetela al composto;

Riaccendete la macchina e mescolate fino a ottenere un composto appiccicoso;

Rame di Napoli

Accendete il forno a 150°;

foderate una leccarda con della carta forno e con due cucchiai sistemate un po’ di impasto sulla teglia dandogli la forma ovale;

Rame di Napoli
Rame di Napoli

Infornate e quando saranno ben gonfi sfornate e lasciate raffreddare sulla griglia per dolci;

Rame di Napoli

Per la glassa;

In un pentolino fate sciogliere il burro con cioccolato;

Rame di Napoli
Rame di Napoli

Quando le rame di Napoli si saranno raffreddate, con l’aiuto di un cucchiaino eliminate la parte superiore;

Farcitela con un po’ di marmellata e richiudete bene la calotta;

Rame di Napoli
Rame di Napoli

Se non desiderate farcirle, laccatele semplicemente con la marmellata;

Con un pennello laccate la superficie e ricoprite con la glassa al cioccolato;

Rame di Napoli
Rame di Napoli
Rame di Napoli

Completate con la granella di mandole e una lacrima di marmellata a piacere.

Rame di Napoli

Buon appetito!

(Visited 1 times, 1 visits today)

direecondire

Ciao sono Claudia, Siciliana, sposata con Salvatore e madre di due splendidi bambini. Tra i vari impegni quotidiani, cerco di ritagliare un po' di tempo per la cucina, la mia passione, che mi è stata trasmessa con amore da mia madre, bravissima cuoca. Attraverso la condivisone delle mie ricette quotidiane cercherò di offrire una guida per tutti coloro che vorranno accostarsi ad una cucina semplice, pratica e casalinga.

Add Your Comment